Home Informazioni Prima Pagina MARIA DELA GESA
MARIA DELA GESA Stampa E-mail
Prima Pagina de La Buona Parola
 MARIA DELA GÈSA

 

Monticello Brianza ha una sola piazza, Piazza De Capitani, piccola e in forte pendenza (a “Monticello” le pianure non esistono proprio…); nella mia giovinezza era un microcosmo di bottegucce: Pepìnu barbèe, Renzo cartèe e la mamma Rita mercantela, Ermanno prestinèe, Luciano frütaròeu, Ügèni ciclista, Pietro macelàar  e Rico urèves soddisfavano i principali bisogni della gente, ma se ti serviva – che so? – una spoletta di colore inusuale dovevi cercare altrove, nella vicina Casatenovo: al negozio di “Maria dela Gèsa” la trovavi di sicuro.

“Maria dela Gèsa” nel suo negozio di merceria e confezioni aveva sempre tutto perché conosceva bene i gusti della gente e preveniva i loro bisogni, era competente ed esperta nel lavoro e trattava i clienti con santa pazienza; “dela Gèsa” non era il cognome ma un’indicazione di luogo: la sua merceria dava proprio sulla Chiesa principale di San Giorgio, non potevi sbagliare.

Sapete una cosa? Quest’anno la Settimana dedicata alla Madonna del Carmelo volevo intitolarla proprio così: “Maria dela Gèsa” per approfondire nelle meditazioni  il legame strettissimo tra la Madonna e la Chiesa di ogni epoca, tra la Madre di Cristo e la Madre dei credenti e insieme indicare le sue grandi doti di educatrice sapiente, modello perfetto dei cristiani e soccorritrice premurosa…

La immagino all’opera, paziente e instancabile, per correggere i difetti più vistosi del nostro essere Chiesa in questo tempo: individualismo, campanilismo, utilitarismo; penso al suo forte aiuto per ravvivare in noi una fede genuina: troppi scelgono il “fai da te”, si accontentano di un Sacramento ogni tanto, scivolano nel devozionalismo; ella ci scuote dalla tiepidezza, sollecita una vera corresponsabilità e una forte testimonianza missionaria; da vera Madre ci tiene insieme e ci fa camminare uniti con il Papa, i Vescovi e i Sacerdoti, dei quali talvolta siamo i primi a parlare con poco rispetto…

Ho deciso però che sceglierò un titolo meno accattivante ma più teologico: “Maria nella Chiesa, con la Chiesa, per la Chiesa”; spero che vi piaccia ugualmente…

Vi invito fin d’ora a partecipare tutte le sere: sarà come un piccolo Corso di Esercizi Spirituali per imparare da Maria ad essere veri credenti “nella Chiesa”.

“Maria della Gèsa” è ancora a Casatenovo: se non sbaglio deve avere suppergiù 90 anni, con qualche acciacco continua ad essere presente in negozio e non dice mai “… non ce l’ho”; Maria di Nazareth, la vera “Maria della Gèsa”, da duemila anni continua ad accompagnare, amare e servire i suoi figli nella Chiesa di Dio e non dice mai “… non ho tempo”.

 

Don Giuseppe