Home Informazioni Prima Pagina HA SCOMMESSO SULL'AMORE E NOI...
HA SCOMMESSO SULL'AMORE E NOI... Stampa E-mail
Prima Pagina de La Buona Parola
 

HA SCOMMESSO SULL’AMORE

E NOI GLI ABBIAMO CREDUTO

 

Raccontano che un vecchio contadino ormai sul letto di morte chiamò a sé i cinque figli, fece portare una fascina di legna e chiese a ciascuno di loro, a turno, di spezzarla; ma nessuno, neanche il più grande e robusto, per quanti sforzi facesse, ci riuscì.

Allora fece slegare la fascina e invitò ciascuno di loro a prendere un bastone. “Adesso spezzatelo…” disse; e tutti lo fecero con ben poca fatica. “Ecco...” continuò il vecchio con un filo di voce “se voi, quando me ne sarò andato, continuerete ad essere uniti nessuna difficoltà potrà piegarvi o spezzarvi; se invece smetterete di volervi bene e d’aiutarvi basterà poco a travolgervi”.

Saggezza contadina!

 

Anche Gesù la sera prima di morire dettò un testamento simile: “Vi do un comandamento nuovo: amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi”; spiegò anche il suo stile e la sua misura: “Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici” e fece capire ai suoi che amare in quel modo sarebbe stato possibile anche per loro se fossero rimasti radicati nel suo amore. Così insegnò che intendeva fare dei suoi discepoli una comunità nuova che si sarebbe distinta vivendo proprio nella memoria del suo amore: “Da questo tutti riconosceranno che siete miei discepoli: dall’amore che avrete gli uni per gli altri”.

 

Il testamento di Gesù – siamo sinceri – ci sembra anacronistico e irrealizzabile in una società individualista e litigiosa in cui perfino “la coppia scoppia” ed anche nella Chiesa di oggi in cui cresce la “religiosità fai da te”, il senso di appartenenza sbiadisce e ancora il cristiano della Parrocchia vicina viene guardato come un estraneo.

Gesù continua ancor oggi a scommettere sull’amore. Egli che ci ha mostrato un amore più forte del peccato, di ogni male e anche della morte, indica l’amore come unica medicina e unica via: Dio è Amore, l’amore ha già vinto una volta per tutte e la sua vittoria è già in atto, inarrestabile fino al pieno compimento, anche se i nostri occhi non se n’accorgono.

Le prime Comunità cristiane, spesso piccole e socialmente irrilevanti, ci spronano dicendo: “Abbiamo creduto all’Amore”; noi guardando Gesù rispondiamo: “Ha scommesso sull’amore ed anche noi gli abbiamo creduto!”

Don Giuseppe